Mobilità sostenibile: dopo Enjoy Eni dà il via a Enjoy Cargo, per il trasporto condiviso di materiale ingombrante

eniejoy cargo

Dopo Enjoy, Eni lancia anche Enjoy Cargo, per il trasporto condiviso di materiale ingombrante. Il nuovo servizio, in partnership commerciale con Fiat, consentirà il trasporto di elettrodomestici, materiali da lavoro e tutto quello che difficilmente entra in una comune auto. Con lo stesso principio di Enjoy: si paga solo per il tempo di utilizzo.

Enjoy nasce nel 2013 ed è stato un indubbio successo: le automobili condivise vengono prenotate via app, possono essere parcheggiate gratis sulle strisce blu e sui parcheggi per residenti, e persino entrare (con qualche limitazione) nelle ZTL. Si paga tramite carta con assistenza garantita.

Perché dunque non esportare un modello di successo anche su veicoli più grandi, meno numerosi delle auto ma anche più inquinanti? Ed è così che da marzo 2018, nelle città di Milano, Roma e Torino, circolano in via sperimentale 50 Doblò Cargo rossi, inaugurando il primo servizio al mondo senza vincoli di punti di prelievo e riconsegna del mezzo all’interno dell’area di copertura. Il servizio funziona quindi come Enjoy: si preleva nel punto più vicino e si riconsegna nel posto dove si scarica il materiale.

I costi? 25 euro fisse (con pre-addebito) per le prime due ore, poi 0,25 euro al minuto a partire dalla terza ora. E senza limitazioni con i blocchi del traffico che ogni tanto sono imposti nelle città per via dell’inquinamento: 40 dei 50 veicoli attualmente in circolazione sono infatti a benzina euro 6 e 10 con doppia alimentazione a benzina e metano, riconoscibili dalla scritta ‘Natural Energy’ sul portellone posteriore.

eniejoy cargo 2

Altre agevolazioni? 50 km sono gratuiti, superati i quali si aggiunge la tariffa di 0,25€/cent al kilometro. E per una prenotazione giornaliera, si applica la tariffa fissa di 80 euro. I mezzi possono inoltre essere prenotati con 90 minuti in anticipo, di cui 30 gratuiti (dal 31esimo il costo sarà di 0,25 euro al minuto). E il rifornimento carburante (solo benzina) si può fare tramite app, non appena il livello scende al di sotto del 30%: con un pieno presso le Eni Station abilitate si ottiene inoltre un voucher da 5 euro, che, di fatto, costituisce uno sconto sul noleggio.

Il car sharing, soprattutto nelle grandi città, sta diventando una necessità prima ancora che una comodità. Difficoltà di parcheggio, traffico, nonché un livello di inquinamento sempre più alto rendono queste iniziative sempre più apprezzate.

Stop al possesso, via alla condivisione dei servizi.

In collaborazione con Eni

Pin It

Cerca