Il web in tv, si vocifera di un accordo tra Google e Dish Network

immagine

Guardare la tv sul web non è ancora un'esperienza possibile, ma a qualcuno è già successo. Alcuni dipendenti di Google, infatti, sono stati appositamente scelti per effettuare un particolare test: grazie ad un'apposita strumentazione sono in grado di cercare video su internet e guardarli in televisione, comodamente sediuti sul divano. Una rivoluzione, o una re-mediation, una sorta di riposizionamento, come qualche anno fa l'aveva definita McLuhan.

Alla base vi sarebbe dunque un accordo tra Google e Dish Network, il secondo operatore televisivo satellitare statunitense, volto ad un possibile tandem tra internet e tv, ad una maggiore interazione tra i due media. I vantaggi economici immediati riguarderebbero il business degli annunci pubblicitari televisivi. Non dimentichiamo che si tratta di un nuovo modo di intendere il digitale terrestre.

A far trapelare l'indiscrezione è stato il Wall street Journal, anche se né Big G, né l'emittente sembrano aver confermato la notizia. A quanto pare il servizio si baserebbe proprio su un set-top box Dish dotato del software Android di Google. Grazie ad esso, gli utenti/spettatori potranno ritracciare i video sia tra i programmi Dish che su gli altri siti web, primo tra tutti YouTube.

Anche in Italia si sta studiando il modo per far interagire web e televisione. In pole position su questa strada c'è Telecom Italia con CuboVision: si tratta di un dispositivo pin grado di trasmettere la tv via internet del gruppo Telecom (prezzo di mercato 199 euro).

Oltre a questo tipo di tecnologie, oggi alcune tv escono sul mercato con in dotazione un dispositivo wi-fi. Quest'ultimo, però, non è stato pensato per collegarsi ad internet dalla televisione ma per interagire, grazie alla tecnologia DLNA, con disposiviti come fotocamere o telefonini. È ancora poco, ma attendiamo cosa Google tiene in serbo per il futuro della nostra televisione.

Francesca Mancuso

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico