iPhone 5S: il Touch ID e' un pericolo per la sicurezza

iPhone 5S caratteristiche

L'iPhone 5S ha introdotto l'ID Touch come sistema di sicurezza, ma questa tecnica può rappresentare un pericolo. Secondo PopScience, infatti, le letture magnetiche possono essere aggirate dagli hacker, che, se abili, riescono ad entrare in carte bancomat, di credito e quant'altro, forzando la password. La quale, però, può essere cambiata. Non così per un'impronta digitale: una volta violata non ci sarà altro da fare.

Il futuro, se imbroccherà questa strada, potrebbe quindi portare a non pochi inconvenienti, se non a danni ingenti, economici e personali. In effetti all'uscita dell'ultimo nato della Mela sono sorte diverse polemiche legate a presunti bug nel sistema operativo, che permettevano ad utenti non autorizzati di accedere al dispositivo con discreta facilità. Ma all'epoca si pensava che i problemi fossero dovuti a iOS7, non che fossero intrinseci del Touch ID.

L'identificazione biometrica, d'altronde, è teoricamente un metodo molto efficace, in quanto le impronte digitali sono realmente uniche, e quindi tecnicamente infallibili come sistema di riconoscimento. Secondo Apple, c'è solo una possibilità su 50 mila che anche solo parte dell'immagine dell'impronta possa corrispondere a qualcun altro.

Per questo sembra proprio che la tecnica possa essere estesa anche ad altre applicazioni che non siano l'utilizzo di dispositivi elettronici come smartphone e tablet. Già nel 2010 in Polonia fu installato il primo sportello bancomat biometrico, presso un'agenzia della Bps Bank di Varsavia: i clienti potevano ritirare i soldi senza la tessera, solo appoggiando il proprio dito su un sistema di rilevamento delle impronte. Ma comunque successivamente dovevano digitare sulla tastiera il PIN.

Come fa notare PopScience, i sistemi di pagamento non sono così sicuri. Le carte di credito sono spesso soggette a clonazioni. Nel 2012, per esempio, Global Payments ha subito una violazione della sicurezza che ha compromesso 1,5 milioni di numeri di carte e maturato quasi 94 milioni dollari di perdite. Per non parlare di quello che succede quando si inseriscono i dati sul web.

Cosa potrebbe succedere se le password scomparissero per far posto alle sole impronte? Siamo sicuri che il futuro dei sistemi di sicurezza stia andando nella direzione giusta?

RDC

Seguici su Facebook, Twitter e Google +

LEGGI anche:

- iOS 7: un bug permette di aggirare il Touch ID

- In Polonia si preleva al bancomat grazie alle impronte digitali

- iPhone 5S e iPhone 5C in Italia dal 25 ottobre: tutti i prezzi  

 

Pin It

Cerca