Gamba bionica: ora funziona col pensiero

gamba bionica pensiero

Zac Vawter riesce a muovere la sua gamba usando il pensiero. Nulla di paranormale. I nuovi confini della scienza gli hanno permesso, dopo l'amputazione di uno dei suoi arti inferiori, di tornare a camminare e di avere il controllo della gamba bionica.

Levi Hargrove, lo scienziato di punta della ricerca condotta presso il Centro per la Medicina Bionica di Chicago, ha sviluppato un sistema per usare i segnali neurali per migliorare in modo sicuro il controllo degli arti di una gamba bionica.

Spiega lo scienziato che quest'ultima è “dotata di ingegneria incredibilmente intelligente. Impara e svolge attività senza precedenti per qualsiasi gamba amputata, tra cui le transizioni senza soluzione di continuità tra il sedersi, camminare, salire e scendere le scale e le rampe e riposizionare la gamba mentre si è seduti”.

Un vero e proprio miracolo, ma come funziona? Quando i nervi indicano ai muscoli che devono contrarsi, i sensori sulla gamba del paziente rilevano i piccoli segnali elettrici dei muscoli. Un software appositamente progettato analizza questi segnali e i dati forniti dai sensori e istantaneamente decodifica il tipo di movimento che la persona sta cercando di eseguire. Allora invia i comandi alla gamba robotica. Utilizzando i segnali muscolari, invece dei sensori robotici, rende il sistema più sicuro e più intuitivo.