Fusione fredda: sull'E-cat e i processi Lenr una nuova interrogazione parlamentare

scilipoti

E-cat. Sulla fusione fredda discute anche la politica, timidamente ma discute. Il 21 Dicembre, mentre molti pensavano alla fine del mondo, in Parlamento veniva presentata un'interrogazione parlamentare a risposta scritta, ad opera di Elisabetta Zamparutti, già firmataria di una precedente iniziativa simile. Tra i proponenti anche Domenico Scilipoti, fautore dichiarato delle reazioni nucleari a bassa energia.

Le premesse sono chiare e non lasciano dubbi: i parlamentari credono alle ricerche di molti studiosi del settore, da Francesco Celani, dei cui esperimenti citano anche le repliche di Ubaldo Mastromatteo di STMicroelectronics, a Francesco Piantelli, Alberto Carpinteri, considerato il pioniere delle ricerche sulle reazioni piezonucleari, fino ad Andrea Rossi, del quale scelgono come risultati di riferimento quelli presentati durante il convegno di Pordenone. I destinatari sono la Presidenza del Consiglio dei Ministri, delegata a rispondere, e il Ministero dello Sviluppo Economico, significativo per il ruolo che i firmatari evidentemente attribuiscono alle Lenr.

Dopo aver citato il documento della Commissione Europea 'Industrial technologies material unit forward looking: workshop on materials for emerging energy technologies' nel quale si sottolinea la qualità e l'importanza di queste ricerche, i parlamentari chiedono "se e quali misure intenda adottare il Governo per fornire ai ricercatori e scopritori di tali nuovi fenomeni l'intera assistenza e l'appoggio delle strutture preposte al fine di coordinare tutte le iniziative utili ad ottenere ogni sostegno, in termini di mezzi e risorse (cioè fondi per la ricerca), con lo scopo di approfondire i fenomeni anche nucleari evidenziati e giungere, in prospettiva, ad applicazioni industriali di tali reazioni".

E, in attesa di varare provvedimenti a lungo termine, i firmatari domandano anche "se il Presidente del Consiglio dei Ministri intenda incontrare i ricercatori citati in premessa, alla presenza del titolare del Ministero dello Sviluppo Economico e del capo del dipartimento legislativo, al fine di individuare percorsi istituzionali atti al più rapido conseguimento degli obiettivi enunciati".

I Maya parlavano di un inizio, non di una fine. Che questo inizio parta da qui?

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- Fusione fredda: l'E-Cat di Rossi perseguitato dalle lobby italiane?

- Fusione fredda: nuovo report sull’Hot E-cat al convegno di Pordenone

- Fusione fredda, l’E-Cat di Celani funziona: l’intervista esclusiva

- Fusione fredda: l’E-cat presentato al convegno di Pordenone. Intervista esclusiva ad Aldo Proia

- Fusione fredda, Rossi: “L'E-Cat non produrrà altri materiali”

- Fusione fredda, Proia sull’E-Cat: ‘Non abbiamo paura delle lobby dell’energia’

- E-cat: il futuro dell'energia è pulito e illimitato grazie alla fusione fredda. Intervista a Focardi

- Fusione fredda, Abundo: “Vogliamo ottenere energia a basso costo”

- Reazione piezonucleare: “Non produrrà energia pulita”. Intervista a Fausto Fiorillo

- Alberto Carpinteri sulla reazione piezonucleare: “Si può sfruttare per prevedere i terremoti”

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico