Wcit, a Dubai si teme per la liberta' del web. Tunisia: "È un diritto fondamentale"

Wcit II giorno

Wcit. A Dubai lo scontro sulla libertà del web è arrivato al secondo giorno, e i delegati sembrano voler rimarcare l'importanza dell'articolo 19 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, che sancisce libertà di espressione per tutti gli esseri umani. Ma i dubbi crescono e la discussione è quanto mai viva.

La delegazione tunisina a questo proposito ha chiesto alla conferenza di aggiungere al Regolamento Internazionale delle Telecomunicazioni (Itr) una precisazione all'articolo incentrato sulla libertà di espressione, sottolineando che "gli stessi diritti che le persone hanno offline devono essere garantiti on-line". Ma sembra che la proposta sia stata vista in generale come pleonastica rispetto ad un diritto, quello di espressione, già garantito.

E la questione sicurezza, oggetto di sicuro e annunciato dibattito? Come conciliarla con un mondo che rende la circolazione delle idee oggettivamente meno soggetta a controllo? Su questo si basano gli allarmi di associazioni, vertici di motori di ricerca e social network (che hanno già manifestato le loro preoccupazioni prima che l'incontro iniziasse), nonché di molti utenti, che temono che alcune decisioni potranno ledere il loro diritto a usare le rete come strumento di libera diffusione delle informazioni.

Non bastano dunque le rassicurazioni del Segretario Generale di Uit, Hamadoun I.Touré, e del Segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, che ha dichiarato: "La gestione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione dovrebbe essere trasparente, democratica e inclusiva dei diritti di tutti i soggetti coinvolti […] Il sistema delle Nazioni Unite sta dietro l'obiettivo di un Internet aperto". La reazione della conferenza alla proposta tunisina impensierisce, nonché la decisione di svolgere l'incontro a porte chiuse.

La conferenza proseguirà fino al 14 Dicembre. Le decisioni prese potranno influenzare significativamente il destino della rete.

Roberta De Carolis

Leggi anche:

- Wcit: a Dubai si apre lo scontro sulla libertà del web

- Conferenza Wcit sul web, Google e Facebook attaccano: "Si rischia la censura"

- Take Action: la petizione di Google per il web libero

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico