Scoperto buco nero 'affamato' che divora la stella a grande velocita'

buco nero icrar

È un vero e proprio divoratore di stelle. E quelle nei paraggi farebbero bene a tremare di terrore. È P13, si trova vicino alla galassia NGC7793, a circa 12 milioni di anni luce dalla Terra ed è un buco nero che ingerisce materiale stellare dal peso pari a 100 miliardi di miliardi di panini al minuto.

A rischio obesità. Ma a stupire gli scienziati che lo hanno esaminato è il fatto che la velocità con cui consuma il banchetto è 10 volte maggiore rispetto a quella ipotizzata finora. P13 ruota attorno a una stella supergigante 20 volte più pesante del nostro Sole.

L'astronomo Roberto Soria del Dipartimento di Imaging e di Fisica Applicata dell'International Centre for Radio Astronomy Research ne ha studiato il comportamento, scoprendo che quando il gas va verso un buco nero diventa molto caldo e luminoso.

Gli scienziati hanno notato P13 perché era molto più luminoso rispetto ad altri buchi neri, ma all'inizio si pensava che fosse solo più grande, spiega lo scienziato, secondo cui finora si credeva che la velocità massima alla quale un buco nero poteva inghiottire gas e produrre luce fosse strettamente determinata dalla sua dimensione: “Era logico supporre che P13 fosse più grande rispetto ai comuni buchi neri meno brillanti che vediamo nella nostra galassia, la Via Lattea.”

buco nero icrar2

Ma quando Soria e i suoi colleghi dell'Università di Strasburgo hanno misurato la massa di P13 hanno scoperto che era in realtà abbastanza piccola, nonostante fosse almeno un milione di volte più luminoso del sole. È stato allora che si sono resi conto di quanto materiale l'ingordo buco nero stesse consumando.

Gli scienziati hanno visto che una parte della stella “donatore” era sempre più brillante rispetto al resto perché veniva illuminata dai raggi X provenienti dal vicino al buco nero. “Questo ha permesso di misurare il tempo necessario affinché il buco nero e la stella ruotassero l'uno intorno all'altra, che è di 64 giorni, la velocità dei due oggetti e la forma dell'orbita”.

Piccolo ma affamato.

Francesca Mancuso

Foto: Icrar

LEGGI anche:

Un buco nero divora una stella in diretta

Satellite Swift: scoperto un nuovo buco nero nella Via Lattea

Europa: presto la prima foto al mondo del buco nero della Via Lattea

Sagittarius A, un buco nero per viaggiare nel tempo?

Pin It

Cerca