Oggi e' il lunedì piu' nero dell'anno

ora legale sonno lunedì

L' ora legale è già arrivata. Lancette spostate in avanti di 60 minuti, la notte tra il sabato e la domenica appena trascorsi. Oggi è il primo lunedì, il più nero dell'anno sotto il profilo del riposo notturno.

Abbiamo infatti dormito un'ora di meno. La stanchezza e la spossatezza sono già dietro l'angolo. Non è bastata la domenica per recuperare l'ora di sonno perduta né per beneficiare dell'effetto positivo dovuto a un’ora di luce in più, la sera. Sarà necessario ancora qualche giorno prima di ritornare più o meno pimpanti.

Un vero e proprio jet lag quello sofferto da parte della popolazione, soprattutto tra i bambini e gli anziani che hanno solitamente orari più regolari per i pasti e per il sonno . Non tutti infatti soffrono allo stesso modo il passaggio all'ora legale: a subirne gli effetti in maniera più rilevante è circa il 25% della popolazione. Un soggetto adulto deve solo avere la pazienza di aspettare due o tre giorni per l'adattamento al nuovo orario.

Quali sono i fastidi maggiormente avvertiti per colpa dell'ora legale?Il nostro organismo deve abituarsi a seguire un nuovo ritmo sonno-veglia. È vero che ormai l’uomo non sempre segue i ritmi naturali del giorno e della notte con una precisa sincronizzazione, ma il nostro cervello può avere problemi ad adattarsi allo spostamento delle lancette dell’orologio un’ora in avanti. Irritabilità, cattivo umore e affaticamento si manifestano soprattutto durante i primi giorni di ora legale”, ha spiegato il prof. Luigi Ferini Strambi, direttore del Centro Disturbi del Sonno del San Raffaele di Milano.

È andata meglio a chi ha seguito alcune piccole accortezze prima di domenica, per esempio andando a letto un'ora prima o anticipando anche di 15-30 minuti gli orari dei pasti.

L'ora legale è davvero necessaria, verrebbe da chiedersi? Un'ora di sonno in meno è il prezzo da pagare per ridurre i consumi di energia elettrica usufruendo dell'ora di luce in più regalata dalla primavera, e che aumenterà con l'approssimarsi dell'estate. È stato stimato che spostare di un'ora l'orologio permetterà agli italiani di risparmiare 556,7 milioni di kilowattora sei sette mesi del 2014 in cui sarà in vigore, pari a 92,6 milioni di euro.

Secondo le stime fornite da Terna, nel periodo primavera-estate, il mese che segna il maggior risparmio energetico stimato è aprile, con 144,2 milioni di kilowattora (pari al 26% del totale). In autunno, invece, il primato va al mese di ottobre con 152,3 milioni di kilowattora risparmiati.

Francesca Mancuso

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

LEGGI anche:

Il 30 marzo torna l'ora legale: curiosità

Pin It

Cerca