Tecnologia 3D: ricostruito il volto di una donna di epoca romana

donna romana

Visse e morì in età romana circa 1700 anni fa, e il suo scheletro è stato trovato circa 60 anni fa nelle valli dell'East Sussex. Stiamo parlando di una donna il cui volto è stato di recente ricostruito grazie alla tecnologia 3D. Come già accaduto per la ricostruzione di un altro volto famoso, quello di un uomo, vissuto però molto tempo prima, a Stonehenge.

Risale, dunque, a oltre 18 secoli fa questo volto di donna, soprannominata Beachy Head Lady. E solo oggi, grazie alle moderne tecnologie, possiamo vedere che aspetto avesse realmente. Gli scienziati, infatti, hanno ricreato il suo cranio, scoperto nel 1953, utilizzando tecniche di ricostruzione 3D.

Beachy Head Lady visse nell'Africa sub-sahariana, che tuttavia non faceva parte dell'Impero Romano. Jo Seaman, funzionario presso l'Eastbourne Borough Council, ha dichiarato: "Questa è una scoperta fantastica. Sappiamo che questa donna aveva circa 30 anni, è cresciuta nelle vicinanze di quello che ora è l'East Sussex, seguiva una buona dieta a base di pesce e verdure, e le sue ossa non presentano alcuna malattia, mentre i suoi denti erano in buone condizioni”.

cranio donna romana

Ad ogni modo, senza avere elementi riguardo il luogo della sepoltura o i suoi corredi funerari, non è possibile per gli esperti risalire al perché essa si trovasse nell'East Sussex o capire quale fosse il suo status sociale. Tuttavia, in base a quel che oggi si sa dell'epoca romana, pare che la donna fosse la moglie o l'amante di un funzionario locale. "O potrebbe essere stata una mercante, che solcava le rotte commerciali di tutto il Mediterraneo fino a questo remoto avamposto europeo".

Lo scheletro è in esposizione al pubblico, e per la prima volta, all'Eastbourne Heritage Museum.

Federica Vitale

Image Credit: DailyMail

Seguici su Facebook, Twitter e Google+

Leggi anche:

- L'uomo di Stonehenge era di bell'aspetto

- Il volto dell'uomo tra 100mila anni

Pin It

Cerca