Area 51: per la prima volta il governo Usa ne ammette l'esistenza

area51 cia

Quello dell'Area 51, a distanza di oltre 50 anni è un mistero ancora irrisolto. Ma per la prima volta, alcuni documenti della CIA ne hanno rivelato la storia. Non c'entrano gli alieni, non vi furono atterraggi Ufo. Si trattava, come più volte è stato ipotizzato, di un sito super segreto per testare aerei spia come l'U-2.

Giovedì 15 agosto il National Security Archive ha pubblicato sul suo sito un documento della CIA, dal titolo “The Central Intelligence Agency and Overhead Reconnaissance: the U-2 and Oxcart Programs”, dove il governo americano ha ammesso l'esistenza della famosa base segreta militare. Il documento è stato rilasciato di recente in risposta ad una richiesta fatta dalla George Washington University nel 2005.

L'Area 51, che secondo alcune ipotesi, potrebbe conservare al riparo da occhi indiscreti i corpi di alcuni extraterrestri e le loro navicelle spaziali, altro non sarebbe che un un sito dove testare segretamente gli aerei, a partire dagli U-2, fino ai loro successori: il Lockheed A-12 Oxcart, il D-21 Tagboard e l'F-117 Stealth Fighter.

Così, il tratto di deserto vicino a Groom Lake, circa 80 km a nord-ovest di Las Vegas, sarebbe stato scelto nel 1955 dai funzionari in cerca di un posto per testare gli aerei e far esercitare i piloti militari.

Già nel 2009 diversi ex-funzionari che avevano lavorato nell'Area 51, erano stati autorizzati a rilasciare dichiarazioni, sostenendo che l'Area serviva per lo sviluppo e il test di apparecchiature tecnologicamente all'avanguardia (jet militari, moduli lunari, ecc.) nella massima segretezza. Ma ora finalmente, quello che fino a qualche anno fa era un documento sottoposto alla censura governativa degli Usa, è stato messo a disposizione in versione integrale.

Nel 1955, alcuni funzionari della Cia sorvolarono il deserto del Nevada su un piccolo aereo da turismo alla ricerca di un sito sicuro e nascosto dove effettuare esperimenti segreti su un nuovo tipo di aereo spia: era l’U-2, capace di volare fino a 18 mila metri. In questo modo, difficilmente sarebbe stato raggiunto dai missili della contraerea o da altri aeroplani, diventando invisibile anche ai radar per via della sua altezza. A Groom Lake, la Cia utilizzò il vecchio poligono di tiro aereo della Seconda guerra mondiale per addestrare i piloti di bombardieri.

E gli Ufo che c'entrano? Secondo gli storici della Cia, i voli di addestramento degli U-2 generarono uno "strano" fenomeno: l'aumento degli avvistamenti di oggetti volanti non identificati da parte di piloti civili. Le strane luci da essi segnalate erano infatti ben al di sopra della quota di volo degli aerei del tempo.

Difficilmente gli appassionati di teorie del complotto si accontenteranno di questa spiegazione. Tuttavia, questa è la prima volta che l'Area 51 viene esplicitamente menzionata in un documento del governo a disposizione del pubblico.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

- I 10 posti più enigmatici della Terra

- Ufo: presto tutta la verità sull'Area 51

- Ufo: il Monte Bianco come l'Area 51?

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico