Negli aeroporti Usa nuove misure di sicurezza per gli smartphone

smartphone TSA

I viaggiatori in partenza per gli Stati Uniti dovranno attenersi a nuove misure di sicurezza. Gli si chiederà, infatti, di esibire al personale addetto i propri cellulari e computer portatili prima di salire a bordo degli aeromobili. Le nuove regole sulla sicurezza, dunque, richiederanno ai passeggeri di dimostrare che i propri dispositivi siano carichi e nel pieno delle proprie funzionalità. Pena, il negato l'imbarco.

A riferirlo sul proprio sito è la Transportation Security Administration, il Dipartimento americano della sicurezza, annunciando l'ulteriore livello di controllo, apparentemente in risposta alle sempre più frequenti segnalazioni riguardo la possibilità che i terroristi stiano progettando bombe nascoste all'interno di smartphone e computer portatili. Basti ricordare il recente caso del volo della Malaysia Airlines.

"Come il pubblico viaggiante è a conoscenza, tutti i dispositivi elettronici sono ispezionati dagli agenti di sicurezza”, si legge nel comunicato. "Durante il controllo di sicurezza, gli agenti possono anche chiedere ai possessori di ricaricare alcuni dispositivi, inclusi telefoni cellulari. I dispositivi scarichi non saranno consentiti a bordo dell'aeromobile".

Resta da chiarire se il nuovo codice sarà esteso a tutti gli aeroporti o solo ad alcuni. Ad ogni modo, il segretario alla Sicurezza Nazionale, Jeh Johnson, avrebbe richiesto esplicitamente al TSA di attuare misure di sicurezza più severe, sebbene non emergano elementi specifici sulle modalità. Quel che è certo è che il TSA statunitense lavorerà per garantire una maggior tutela ai viaggiatori, condividendo informazioni determinanti con i sistemi di sicurezza stranieri e l'industria aeronautica.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Smartphone e tablet in aereo: le nuove linee guida EASA

- Non solo Malaysia Airlines: gli aerei scomparsi inspiegabilmente dal 1800

Pin It

Cerca

Noi raccomandiamo Buono ed Economico